Fotoreporter matrimonio di cosa parliamo? Quali tecniche impiega?

FOTOREPORTER MATRIMONIO: QUALI TECNICHE IMPIEGA? DI COSA PARLIAMO?

Fotoreporter-matrimonio

Fotoreporter matrimonio, oppure foto reportage di matrimonio, o ancora stile foto giornalistico; quante volte quando ci si imbatte in un sito di un fotografo che si occupa di matrimoni leggiamo queste frasi. 

Provo a fare un po’ di ordine… cosa dobbiamo intendere?

Il concetto di foto giornalismo può essere assunto con l’ampio significato che sottende: mettere la fotografia al servizio di una notizia o di un evento, nel nostro caso specifico: il matrimonio.

Questo concetto applicato alle immagini del matrimonio è relativamente recente.

Si è infatti sviluppato con l’avvento del digitale che ha consentito al fotografo matrimonio, non più “schiavo” del costo dei rullini e in grado di verificare in diretta la qualità dell’immagine, di produrre una considerevole quantità di scatti mantenendo il controllo di quello che sta raccontando.

Il fotoreporter ha una modalità di documentare l’evento più istintiva che programmata.

Un fotoreporter matrimonio invece NON si può permettere di sbagliare un’inquadratura o una messa a fuoco, perchè seconde occasioni di scatto, specialmente durante i momenti fondamentali di una cerimonia, NON capitano più!

Ecco una differenza fondamentale tra un reportage matrimonio ed un servizio fotografico matrimonialista che cerca di cogliere con sapienza e tecnica tutti i momenti, anche i meno scontati, valutando con attenzione le infinite situazioni che si presentano durante la giornata degli sposi.

FOTOREPORTER MATRIMONIO: TECNICHE FOTOGRAFICHE IMPIEGATE PER RACCONTARE CON LE IMMAGINI LA VOSTRA GIORNATA

Sposo che scherza con le testimoni.jpg

Il fotografo di matrimonio deve necessariamente impiegare tutte le tecniche a sua disposizione per raccontare la giornata degli sposi.

Per esempio la tecnica dello still-life è utile per valorizzare dei particolari come le fedi, le scarpe, i gemelli della camicia dello sposo ed altro.

Per altre situazioni, può essere utile montare luci apposite durante la cerimonia nuziale per la scarsa illuminazione della chiesa o perché il fotoreporter matrimonio desidera realizzare scatti contro luce che produce l’effetto dorato magari attorno al velo della sposa.

Così come può essere utile disporre di pannelli riflettenti bianche o neri che rispettivamente creano luci positive o negative sui soggetti per creare una maggiore tridimensionalità delle immagini. 

Ancora determinate immagini richiederanno l’effetto sfuocato; anche la velocità di scatto varia a seconda del soggetto da riprendere o ancora è molto utile la tecnica del “bracketing” che consiste nell’effettuare una serie di scatti allo stesso soggetto utilizzando impostazioni diverse della macchina fotografica.

Infine voglio ricordare la tecnica del cross-processing che richiede di sviluppare una pellicola in una soluzione chimica propria di un’altra pellicola: gli effetti sono sorprendenti e del tutto casuali.

CONCLUSIONE

Per concludere è importante che sappiate che le tecniche da usare in un servizio fotografico di matrimonio sono molte a seconda dei momenti e dei risultati che vogliamo ottenere e che il fotoreportage di matrimonio è solo una di quelle.

Il Fotoreporter matrimonio non è altro che il vostro fotografo che sfruttando al meglio il proprio bagaglio di conoscenze, la propria esperienza, la passione cerca di rendere indimenticabili i vostri ricordi.

2018-06-18T15:23:20+00:00
Condividi